Produkte aus der Region sind die Renner bei www.agroswiss.ch

27.05.2022

I prodotti della regione sono un successo

27.05.22 - (Immagini & Fonte © lid.ch Mediendienst n. 3578)

I cibi regionali sono più di una tendenza. Come mostra un nuovo studio, i consumatori preferiscono persino i prodotti regionali al cibo biologico.

Di Jonas Ingold

Produkte aus der Region sind Renner

A tutti piacciono i prodotti regionali: lo dimostra lo studio " Prodotti regionali 2022 ", condotto da htp San Gallo e dall'istituto di ricerche di mercato Link in collaborazione con la Scuola di economia di Zurigo. In base a ciò, il 37% degli intervistati considera i prodotti regionali molto positivi, il 57% positivi e il 5% neutri. Nessuno ha mostrato un atteggiamento negativo nei confronti dei prodotti regionali. Rispetto all'indagine del 2017 i valori sono aumentati, in particolare tra chi ha un atteggiamento molto positivo.

Utenti pesanti più anziani

E i consumatori non solo sembrano apprezzare i prodotti, ma anche acquistarli. Il 40% ha dichiarato di acquistare prodotti regionali praticamente ad ogni acquisto. E tre quarti acquistano prodotti regionali almeno settimanalmente. In particolare, il numero degli utilizzatori pesanti – quelli che guardano alla produzione regionale ad ogni acquisto – è aumentato di 14 punti percentuali negli ultimi 5 anni.

Per lo studio rappresentativo sono state intervistate 1321 persone di età compresa tra i 15 ei 79 anni provenienti dalla Svizzera tedesca, dalla Svizzera occidentale e dal Ticino.

Gli utenti pesanti sono prevalentemente gli anziani tra i 60 ei 79 anni. In questa fascia di età, la percentuale di utenti pesanti è del 54%. I giovani raggiungono meno spesso gli scaffali regionali: il 29% dei giovani tra i 15 ei 29 anni sono utenti pesanti. Ma questo non ha nulla a che fare con l'atteggiamento: secondo lo studio, i giovani apprezzano i prodotti regionali tanto quanto gli anziani. Gli autori dello studio presuppongono quindi che fattori quali il potere d'acquisto o le abitudini di acquisto e consumo siano determinanti.

Nessuna definizione

Sarà difficile assegnare una quota di mercato ai prodotti regionali. Secondo l'Associazione per i prodotti regionali (VSR), è del 7,2%. Tuttavia, gli autori dello studio sottolineano che non esiste una definizione universale di prodotti regionali. Presuppongono che i consumatori percepiscano molti prodotti che non sono certificati secondo i criteri VSR come regionali. I dati sulle quote di mercato tenderebbero quindi a essere sottovalutati.

Die Produkte aus der Region kaufen die Konsumentinnen und Konsumenten meist im Detailhandel.

Principalmente dal commercio al dettaglio I consumatori di solito acquistano prodotti dalla regione nel commercio al dettaglio. Ma cresce anche la quota di coloro che acquistano da piccoli commercianti o da negozi di aziende agricole. Tra i rivenditori, gli intervistati associano maggiormente Migros alla regionalità. Al secondo posto Ex aequo Coop, Volg e i negozi Landi. Gli intervistati associano Lidl, Aldi e Denner significativamente meno alla regionalità.

Un'altra parte dell'indagine mostra che il termine "prodotto regionale" non è percepito in modo uniforme. Per alcuni, sono prodotti che provengono dalla propria regione. Per gli altri, sono fondamentalmente specialità regionali, anche se provengono da un'altra regione. E per più della metà degli intervistati, entrambi i criteri corrispondono.

Ci si aspetta molta correttezza

I prodotti regionali sono preferiti dalla maggioranza ai prodotti biologici, secondo un'altra conclusione degli autori. Alla domanda su cosa acquistano più spesso, il 42% ha risposto con prodotti regionali. Il 39% acquista entrambi circa la stessa quantità di volte, il 16% acquista prodotti biologici più spesso. Ci sono differenze di reddito: le famiglie con un reddito mensile superiore a 10.000,00 acquistano prodotti biologici in modo sproporzionato. E le persone di campagna scelgono spesso prodotti regionali, mentre quelle di città scelgono spesso il biologico in modo sproporzionato.

L'indagine mostra che i prodotti regionali sollevano aspettative simili ai prodotti biologici quando si tratta di criteri ecologici, anche se i prodotti regionali non devono necessariamente essere prodotti di conseguenza. Le aree “sostenibilità ed equità” così come “sociale” collegano gli intervistati molto più frequentementer con prodotti regionali che con biologico.

La responsabilità personale ha di gran lunga la maggiore influenza sull'intenzione di acquistare prodotti regionali. Di conseguenza, le persone acquistano i prodotti per rispetto personale dell'ambiente e della società.

Paghereste di più? Secondo lo studio Link, le persone sono disposte a scavare più a fondo nei loro portafogli per i prodotti regionali. Sarebbero quindi disposti a pagare il 45% in più per le uova rispetto alla "normale" origine svizzera, il 29% per le carote, il 20% per il formaggio a pasta dura e il 10% per il cervelat.