Die Schweizer Landwirtschaft 2021 - extremes Jahr sorgt für historisch tiefe Ernten

23.12.2021

23 dicembre 2021 - (Fonte © lid.ch) - Scritto dal Servizio di informazione agricola LID Redazione e testi: Renate Hodel e Jonas Ingold

L'anno estremo rende i raccolti storicamente bassi

Riepilogo. Il tempo non ha tralasciato nulla nel 2021. Il gelo tardivo, molte precipitazioni con inondazioni e grandinate hanno avuto un impatto enorme sul raccolto in molti luoghi. Dopotutto, la caduta ha comunque salvato l'uno o l'altro.

Alcuni frutti estivi sono stati gravemente colpiti dal clima. Nel caso delle prugne si poteva raccogliere solo il 40 per cento della media quinquennale e nel caso delle albicocche solo il 35 per cento. Le cose sono andate meglio con le bacche, anche perché molte sono protette da tunnel di alluminio.

Quasi nessuna pera da sidro

Nel caso delle mele, il bilancio variava a seconda della varietà, ma sono state raccolte pochissime mele da sidro. L'ultima volta che le pere da sidro sono state così povere è stato nel 1993.

Notti gelide, temporali con inondazioni e grandine hanno influito anche sulla raccolta degli ortaggi. Normalmente non è necessario importare lattuga in estate, quest'anno circa la metà delle merci mancava temporaneamente a luglio e agosto. La situazione è leggermente migliorata in autunno. Tuttavia, la situazione terrà occupata l'industria ortofrutticola fino al prossimo anno, poiché anche le verdure immagazzinate ne risentiranno.

Meno pressione della malattia sulle barbabietole

Secondo le stime, il raccolto di patate per i prodotti convenzionali è di circa il 30 percento inferiore alla media quinquennale e per i prodotti biologici di circa la metà. Ma la qualità delle patate raccolte è buona. Anche gli zuccherifici sono stati sottoutilizzati a causa del raccolto piuttosto basso, anche se la raccolta delle barbabietole si è rivelata migliore del previsto. Inoltre, la pressione della malattia sulle barbabietole è stata inferiore rispetto agli altri anni.

Il raccolto di cereali per il pane è inferiore di circa il 30 percento rispetto all'anno precedente e la domanda di colza per le merci svizzere non può essere soddisfatta.

In viticoltura ha un aspetto diverso a seconda del cantone. Mentre in Vallese il raccolto è solo la metà del normale, i Grigioni sono appena al di sotto della media. La qualità dei vini dovrebbe essere molto buona.

La foresta, invece, è stata contenta della grande quantità di precipitazioni ed è stata finalmente in grado di riprendersi un po' dopo gli anni siccitosi precedenti.

Storicamente poco miele

Historisch wenig Honig

C'erano anche raccolti falliti per i prodotti animali, quindi il raccolto primaverile per il miele è fallito quasi completamente e nemmeno il raccolto estivo ha potuto compensarlo. Quasi nessun apicoltore può ricordare così poco raccolto.

La produzione di suini è aumentata nella seconda metà dell'anno. I prezzi sono gli stessi di 50 anni fa. Tuttavia, gli allevatori di suini sono positivi riguardo al futuro grazie alla loro attenzione alla carne di qualità.

Anche quest'anno la produzione di uova è stata di alto livello. La domanda è aumentata verso le feste, ma i magazzini erano ancora ben riforniti a novembre.

La domanda di pollame svizzero è ininterrotta e continua a crescere. La produzione è aumentata anche quest'anno.

Nel complesso, il 2021 è stato un anno positivo per l'industria lattiero-casearia svizzera. Verso la fine dell'anno, il volume del latte mostra una leggera tendenza al ribasso, ma con una buona domanda. Mentre i prodotti lattiero-caseari hanno perso terreno nel 2021, la produzione di formaggio è leggermente aumentata. È importante sfruttare lo slancio e la buona situazione del mercato nel nuovo anno.

Il tempo L'anno è stato caratterizzato da molta umidità

Secondo l'Ufficio federale di meteorologia e climatologia, l'inverno 2020/2021 è stato molto piovoso in Svizzera. La maggior parte delle aree ha ricevuto abbondanti precipitazioni, in particolare il versante meridionale delle Alpi, dove anche l'inverno è stato notevolmente privo di sole. A gennaio, anche la Svizzera orientale ha registrato una delle più pesanti cadute di neve fresca dall'inizio delle misurazioni, con quantità record locali.

A maggio, dopo i due mesi di marzo e aprile con scarse precipitazioni, si sono registrate abbondanti precipitazioni nella maggior parte delle zone della Svizzera, ad eccezione del versante meridionale delle Alpi. Questa a livello regionale ha registrato la quarta o quinta primavera più soleggiata negli ultimi 60 anni. Inoltre, la Svizzera ha vissuto la primavera più fredda degli ultimi 30 anni. I mesi di aprile e maggio in particolare sono stati freddi.

L'estate del 2021 è stata una delle più piovose a nord delle Alpi da quando sono iniziate le misurazioni. Nelle Alpi centrali, è stata localmente l'estate più piovosa nei record di oltre 100 anni. L'anno è stato molto piovoso, verso la metà di luglio, a nord delle Alpi, le piogge, persistenti e abbondantidiversi fiumi e laghi hanno rotto le loro sponde.

In autunno il tempo si è un po' calmato e con circa 20 giorni di sole, settembre in Svizzera si è rivelato un meraviglioso mese di bel tempo. In alcune zone è stato addirittura uno dei settembre più soleggiati degli ultimi 60 anni e localmente uno dei più miti da quando sono iniziate le misurazioni.

Dopo il soleggiato settembre, anche ottobre in Svizzera è stato un mese autunnale soleggiato e in gran parte secco. Sia settembre che ottobre hanno registrato precipitazioni diffuse al di sotto della media: a settembre non è sceso nemmeno un terzo delle precipitazioni medie di settembre e in ottobre, al nord e nelle Alpi, in alcune zone è sceso meno della metà delle precipitazioni medie di ottobre.

Le piante Stagione difficile per la frutta estiva

Danni a milioni

Secondo l'Associazione svizzera della frutta (SOV), la stagione estiva della frutta è letteralmente fallita: mentre le gelate primaverili e la grandine estiva hanno causato notevoli danni alle colture frutticole, almeno la coltivazione delle bacche è stata in grado di resistere alle intemperie.

La fredda primavera con numerose notti gelate, l'estate piovosa e i temporali con grandine hanno portato a un bilancio che fa riflettere. Mentre il raccolto di ciliegie era ancora rispettabile con circa 1.500 tonnellate e quindi il 72 percento della media quinquennale, le prugne e le albicocche hanno mostrato un quadro diverso: le rese per le prugne sono state solo del 40 percento a 1.300 tonnellate e per le albicocche a 2` 200 tonnellate è solo il 35 per cento della media quinquennale. E le tempeste non solo hanno danneggiato i frutti e gli alberi, ma anche intere infrastrutture. Ciò ha provocato danni per decine di milioni.

Il tempo rallenta il boom delle bacche

Nel frattempo, la situazione sembrava più positiva per le bacche. La raccolta ha corrisposto alla media degli ultimi cinque anni per fragole con ben 7.000 tonnellate, lamponi con quasi 2.150 tonnellate, more con 530 tonnellate e mirtilli e mirtilli rossi con 565 tonnellate. Ciò è dovuto anche ai moderni metodi di coltivazione: gran parte dei raccolti di bacche in Svizzera vengono coltivati sotto tunnel.

Tuttavia, il tempo ha rallentato il piccolo boom di lamponi e more: sia i volumi raccolti di lamponi che di more sono aumentati costantemente negli ultimi anni e sono saliti, ad esempio, dal 2016 con 1.525 tonnellate di lamponi a 2.255 tonnellate nel 2020. A luglio, il SOV si aspettava ancora un raccolto interno di 2.300 tonnellate di lamponi, un ulteriore aumento di 50 tonnellate.

Questa cifra è stata mancata nel corso della stagione del raccolto e il raccolto è sceso di circa 100 tonnellate rispetto all'anno scorso. Stagione difficile per la frutta estiva

Lo stesso quadro è emerso per le more, i cui volumi di raccolto sono aumentati di 280 tonnellate a 663 tonnellate negli ultimi cinque anni fino al 2020. Anche qui il raccolto di quest'anno, con meno 130 tonnellate, è stato inferiore a quello dell'anno scorso.

Le mele sfidano il maltempo, le pere non tanto

Nel caso delle pomacee da dessert, almeno le colture di mele sono sopravvissute relativamente bene alle intemperie. Con circa 120.000 tonnellate di mele da tavola, la resa è stata quasi pari a quella del 2020. Secondo il SOV, tuttavia, c'erano differenze a seconda della varietà: le varietà più popolari Gala, Golden Delicious e Braeburn hanno registrato un aumento della resa - con Boskoop, Idared, Milwa ed Elstar nonché Gravensteiner, tuttavia, hanno avuto un raccolto significativamente inferiore perché queste colture sono state maggiormente colpite dal gelo e dall'alternanza.

Ci sono state perdite di raccolto maggiori per le pere da tavola. La resa di ben 18.500 tonnellate significa un calo di circa il 20 per cento rispetto all'anno precedente. La densità del raccolto delle pere è stata costantemente inferiore rispetto all'anno precedente e il raccolto della varietà 8/30 Williams è stato particolarmente scarso: con poco più di 2.400 tonnellate, sono state raccolte oltre il 40% di pere Williams in meno rispetto al 2020.

Raccolto di sidro estremamente profondo

Un totale di 3.800 tonnellate di pere da sidro e 42.250 tonnellate di mele da sidro sono state consegnate alle fabbriche di sidro svizzere e lavorate, nemmeno la metà del raccolto dell'anno scorso. Inoltre, un raccolto altrettanto piccolo di pere da sidro è stato ottenuto l'ultima volta nel 1993. D'altra parte, è stato ottenuto un raccolto qualitativamente buono nonostante le difficili condizioni di produzione dovute al clima.

Nonostante le ampie misure di sgravio del mercato, le fabbriche di sidro avevano scorte prima del raccolto di quest'anno che coprivano il fabbisogno di più di un anno. A questo ha contribuito anche la situazione di vendita a volte difficile causata dalla pandemia di Covid-19. Secondo il SOV, il basso raccolto nel 2021 porterà a una riduzione delle scorte.

Situazione eccezionale con le verdure

I temporali estivi hanno portato a una stagione difficile e insolita per i produttori di ortaggi. Ad aprile ci sono state notti gelide ea giugno ci sono stati temporali con grandinate devastanti e anche inondazioni.

Tutto ciò ha influito sulla produzione di ortaggi nel 2021. Alcuni produttori non sono stati più in grado di soddisfare la domanda. Alcuni hanno anche avuto dei fallimenti totali. "Alcuni tipi di verdure sono stati colpiti più duramente di altri, ad esempio la situazione con le insalate era eccezionale", spiega Markus Waber, vicedirettore dell'Associazione dei produttori svizzeri di ortaggi (VSGP). Normalmente, nessuna lattuga dovrebbe essere importata in estate. "Quest'anno, tuttavia, circa la metà della merce era temporaneamente scomparsa a luglio e agosto", aggiunge. In autunno la situazione si è leggermente ripresa grazie ai nuovi impianti e al clima migliore.

Oltre alla lattuga, anche broccoli, cavolfiori, zucchine e finocchi hanno risentito molto del tempo. Le importazioni sono state corrispondentemente superiori a quelle di un anno normale.

Anche se nella serra non è caduta pioggia, c'è stata una mancanza di sole e quindi di luce, il che significava anche che il raccolto è stato inferiore al solito. "In tutta la gamma di verdure, in piena estate mancava dal 10 al 20 percento delle quantità abituali", riassume Markus Waber.

Per farsi sentire a lungo

Gli effetti possono essere avvertiti anche nelle verdure conservate come carote o cipolle, dove si stima che sia possibile conservare tra il 25 e il 30 percento in meno. La situazione terrà occupato il settore fino al prossimo anno: "Ciò significa che in primavera dovremo aggiungere le merci importate prima e in misura maggiore del solito", afferma Markus Waber.

Vino: Alta qualità e rese storicamente basse

Come altre industrie, il tempo ha reso le cose difficili per il vino. Le gelide notti di aprile hanno congelato i germogli e in estate la grandine ha distrutto alcuni raccolti. Anche le uve non hanno gradito il clima fresco e umido d'estate e l'oidio ha causato gravi problemi. Solo in autunno il tempo è migliorato per le uve.

Secondo il Winzerinfo per la Svizzera tedesca, è stato un anno che difficilmente potrebbe essere superato in termini di titoli negativi. Nella maggior parte dei cantoni si sono verificati cali significativi del volume del raccolto, alcuni ben al di sotto della media decennale, ad esempio a Sciaffusa, Argovia e Berna. A Lucerna si parla del raccolto più piccolo di tutti i tempi. Nel cantone dei Grigioni emerge un quadro diverso: il raccolto è solo leggermente inferiore alla media a lungo termine, ciò è stato possibile, tra l'altro, dalle condizioni ottimali durante il Wimmet. In Vallese, invece, le cose non stanno più andando bene. L'associazione di categoria dei vini vallesani presume che le rese saranno solo la metà rispetto a un'annata normale. I viticoltori non ricordano di aver mai raggiunto rese così basse. Gelo, muffa e grandine lo hanno assicurato. Ma le uve sopravvissute all'anno sono della migliore qualità.

Nel cantone di Vaud l'annata del vino è stata altalenante, ma alla fine la vendemmia si è rivelata migliore del previsto. Anche qui muffa e grandine hanno causato danni. Nel complesso, secondo l'Office des Vins Vaudois, la vendemmia vodese è stata inferiore al normale. Di conseguenza, la Communauté Interprofessionnelle du Vin Vaudois (CIVV) prevede un raccolto di 19,8 milioni di litri, quasi il 16% in meno rispetto all'anno precedente. Grazie al bel tempo autunnale con giornate soleggiate e notti fresche, la qualità è molto buona.

Le patate soffrivano di umidità

Le patate hanno sofferto molto il tempo nel 2021. È iniziata bene, la semina è avvenuta in condizioni di bel tempo. Il clima fresco e il gelo hanno ritardato la crescita delle patate novelle.

Poi sono arrivate le condizioni meteorologiche estreme con inondazioni e grandine. In particolare, la grande quantità di acqua ha causato problemi ai tuberi in alcune regioni. Le patate sono piccole quest'anno, quindi i raccolti sono inferiori al solito. Dopotutto, la qualità delle patate che potrebbero essere raccolte è giusta.

Mancano ancora le quantità esatte del raccolto, poiché nel 2021 non sono state effettuate indagini sulla resa a causa del clima eccezionale di agosto. Tuttavia, l'organizzazione industriale Swisspatat effettua ogni mese un'indagine sulle scorte di patate. Secondo Christian Bucher, amministratore delegato di Swisspatat, secondo questi dati, il raccolto 2021 per le patate convenzionali dovrebbe essere di circa il 30 percento inferiore alla media quinquennale e per le patate biologiche si potrebbe raccogliere circa la metà della media degli ultimi anni.

Gli zuccherifici non stanno lavorando a pieno regime

Il raccolto di zucchero è di circa 210.000 tonnellate di zuccheror era al di sotto della media, ma non così male come inizialmente temuto date le difficili condizioni per i seminativi.

Tuttavia, sia lo zuccherificio di Aarberg che quello di Frauenfeld potrebbero lavorare più barbabietola da zucchero e aumentare così il grado di autosufficienza. Ogni anno in Svizzera vengono utilizzate circa 320.000 tonnellate di zucchero, di cui circa due terzi della Schweizer Zucker AG. Oltre l'80 percento delle barbabietole lavorate proviene da coltivazioni svizzere, l'82 percento delle quali viene coltivato secondo la verifica delle prestazioni ecologiche, il 17 percento secondo le specifiche IP-Suisse e l'1 percento biologica. Il resto è coperto dalle importazioni di barbabietole dalla Germania, ma anche dallo zucchero finito, principalmente dall'UE.

La semina della barbabietola da zucchero di quest'anno era ancora normale, ma le fredde e gelide notti primaverili avevano colpito le piante ancora giovani e a luglio l'umidità dell'umidità ha portato ad un arresto della crescita e in alcuni casi anche al totale cedimento per campi allagati, spiega Guido Stäger, CEO di Schweizer Zucker AG. "Ma il tempo non è stato sempre negativo per la barbabietola: rispetto agli anni precedenti con una grave siccità, quest'anno è stato un po' più equilibrato, ma ancora troppo piovoso praticamente in tutte le regioni", afferma Stäger.

Di conseguenza, le condizioni umide hanno avuto un forte impatto sulla resa e sul contenuto di zucchero. Il bel autunno ha saputo compensare alcune cose, in particolare il tenore zuccherino era aumentato. Rispetto ai cavoli spesso sani e robusti, durante la raccolta si potevano dissotterrare solo barbabietole di taglia media. Dopotutto, quest'anno i coltivatori di barbabietole hanno avuto meno a che fare con l'ingiallimento virale o la sindrome delle basse ricchezze (SBR): la pressione della malattia sulle barbabietole da zucchero è stata generalmente meno pronunciata rispetto agli altri anni.

Sono richieste piantatrici di barbabietola

Il numero di produttori di barbabietole ha sofferto negli ultimi anni. Nel 2021 c'erano ancora quasi 4000 bieticoltori svizzeri, quasi 300 in meno rispetto all'anno precedente. Ciò influisce anche sulla produttività della fabbrica: "Abbiamo bisogno di nuovo di più barbabietole", si rivolge agli agricoltori Guido Stäger. La Schweizer Zucker AG sta facendo molto per convincere gli agricoltori svizzeri a ricominciare a coltivare barbabietola da zucchero. Il quadro politico, che ora è di nuovo assicurato fino al 2026, aiuterebbe perché garantisce un elevato livello di sicurezza della pianificazione ed è anche finanziariamente utile piantare nuovamente le barbabietole. Inoltre, la compatibilità della coltivazione della barbabietola da zucchero sostenibile ed ecologica ma economica rimane una sfida. Contrariamente all'UE, in Svizzera resta in vigore il divieto dell'insetticida "Gaucho" per il trattamento delle sementi.

Certo, il mordente «Gaucho» era un mezzo molto efficace, ma ora è importante guardare avanti e trovare soluzioni alternative per combattere l'ingiallimento virale con misure più ecologiche, afferma Guido Stäger: «La ricerca è in pieno svolgimento e anche noi ottimista: tutti noi vogliamo pesticidi rispettosi dell'ambiente, ma l'industria dello zucchero deve anche essere in grado di lavorare in modo economico.

Un terzo in meno di chicco di pane

Brot und Backwaren der Schweiz

La raccolta del grano di quest'anno è stata caratterizzata da basse rese e bassi volumi di raccolto. Sono state registrate perdite per tutte le colture. Il frumento tenero con meno 30 percento, così come il farro con meno 24 percento e la segale addirittura con meno 55 percento, secondo l'organizzazione industriale per cereali, semi oleosi e piante proteiche Swiss Granum, quest'anno hanno mostrato quantità di raccolto significativamente inferiori rispetto all'anno scorso.

Complessivamente, il raccolto di quest'anno ha prodotto una quantità di pane da forno di 304.079 tonnellate, oltre 110.000 tonnellate in meno rispetto al 2020. Le rese medie sono state basse per tutte le colture a causa del clima e sia il frumento tenero, il farro e la segale sono stati gravemente colpiti dalla germinazione. Tuttavia, nel settore dei mangimi possono essere commercializzati i chicchi di pane non cuocibili, che ammontano a circa 95.000 tonnellate.

Sono state registrate basse rese medie anche per i tipi di cereali da foraggio. Il raccolto di orzo è stato di ben 20.000 tonnellate in meno rispetto allo scorso anno, il raccolto di triticale è stato di 9.000 tonnellate in meno e il raccolto di mais da granella, a 97.660 tonnellate, non è stato nemmeno la metà della resa dell'anno scorso. Stephan Scheuner, Direttore di Swiss Granum, spiega perché le ragioni sono ancora oggetto di ipotesi: «Da un lato ci sono alcuner Il clima con grandinate e rese fondamentalmente basse sono responsabili del basso volume di raccolto. D'altra parte, un quarto del raccolto di quest'anno è andato al mais da silo e questa quantità ora manca dal mais da granella».

Complessivamente, c'è stato un raccolto di cereali da foraggio di quasi 523.000 tonnellate, oltre 30.000 tonnellate in meno rispetto allo scorso anno, compresi i cereali non cuocibili.

Semi oleosi: Domanda di colza non coperta

Schweizer Raps

Anche i semi oleosi quest'anno producono raccolti più piccoli: nel caso della colza, gli effetti del tempo e l'aumento della pressione dei parassiti si fanno sentire in un raccolto più basso. L'accordo quadro per la produzione a contratto avrebbe garantito ai produttori svizzeri un acquisto di 106.000 tonnellate per quest'anno. In tutta la Svizzera, tuttavia, quest'anno sono state raccolte solo 77.073 tonnellate di colza, circa il 12 percento in meno rispetto all'anno precedente e una differenza di circa 30.000 tonnellate rispetto alla quantità di acquisto garantita. La domanda di colza domestica non può essere coperta con questo volume di raccolto.

Il raccolto provvisorio di girasole di 11.142 tonnellate è solo leggermente inferiore a quello dell'anno precedente, tuttavia quest'anno sono stati coltivati più girasoli su 300 ettari, il che peggiora notevolmente l'equilibrio. Inoltre, il raccolto dell'anno scorso è stato inferiore a quello del 2019 e la produzione di girasole ha continuato a soffrire di conseguenza.

Con 5.318 tonnellate, il raccolto di soia di quest'anno è uno dei pochi raccolti a non essere inferiore a quello dell'anno scorso. Sono state raccolte circa 300 tonnellate di soia in più, ma anche qui le cifre devono essere messe in prospettiva, perché anche la produzione di soia ha registrato un aumento della superficie. La soia è stata coltivata su ben 200 ettari in più - rispetto all'anno precedente, anche qui sono state registrate perdite. Apparentemente la soia ha sofferto meno delle condizioni avverse rispetto ad altre colture

Un anno turbolento per la foresta svizzera

Schweizer Wald bei agroswiss

È grazie alle abbondanti precipitazioni di inizio anno che la foresta svizzera è riuscita a riprendersi dalle due estati siccitose record del 2018 e 2019, che hanno provocato grandi quantità di legno danneggiato. I prodotti in legno per l'edilizia hanno raggiunto prezzi record, in alcuni casi il loro prezzo è quadruplicato nel giro di pochi mesi.

Nella foresta svizzera, tuttavia, questi aumenti di prezzo sono appena percettibili. Il prezzo del legno proveniente dalle foreste svizzere è stato ai minimi storici fino a metà del 2021. Più della metà delle attività forestali svizzere ha registrato un deficit nel 2020. Per questo motivo WaldSchweiz ha chiesto ad aprile che il prezzo del legno in tutte le gamme debba aumentare di almeno un terzo. Il messaggio è arrivato: i prezzi si sono leggermente ripresi verso la fine dell'anno. Inoltre, Daniel Fässler, presidente di WaldSchweiz, ha presentato al Consiglio degli Stati un'iniziativa parlamentare dal titolo "Prezzi consigliati anche per il legno proveniente dalle foreste svizzere". Ciò ha lo scopo di garantire che in futuro possano essere emessi prezzi indicativi per il legno svizzero. Ciò dovrebbe aiutare a raggiungere finalmente prezzi equi per la preziosa materia prima autoctona della foresta svizzera. Testo: Florian Landolt, WaldSchweiz

Gli animali

Latte in buone condizioni di mercato da conservare

Secondo l'Associazione dei produttori svizzeri di latte (SMP), l'anno 2021 è stato positivo per l'industria lattiero-casearia svizzera in Svizzera, ma ha anche richiesto molta flessibilità. Il volume del latte ha praticamente ristagnato ad ottobre a +0,3 per cento con un trend in diminuzione e con una buona domanda. L'elevata domanda nel commercio al dettaglio causata dal coronavirus nel 2020 è tornata alla normalità, ma attualmente è ancora al di sopra dei livelli del 2019.

Il calo dei latticini di circa il 3 per cento è stato compensato in altre aree. La produzione di formaggio è aumentata dell'1,7% da gennaio a ottobre. Nello stesso periodo, le esportazioni di formaggio sono cresciute dell'8,2% e la pressione sulle importazioni, anch'essa aumentata del 5,9%, è stata leggermente attenuata.

Produzione di burro ai minimi Nel 2020 la produzione di burro era a un livello basso, anche a causa del coronavirus. È probabile che sia inferiore del 3-4% nell'anno in corso 2021, principalmente a causa dello sviluppo nel quarto trimestre als 2020. Tuttavia, a causa del rilascio anticipato delle importazioni per altri marchi, c'era sempre abbastanza burro svizzero a disposizione per rifornire senza interruzioni i marchi Swissness "Floralp" e "Die Butter". Sono state necessarie un totale di circa 3.200 tonnellate di burro importato.

Questo sviluppo del mercato, sostenuto da una pessima situazione dei mangimi a causa del clima, ha fatto sì che il latte svizzero fosse un prodotto ricercato nel 2021. Il prezzo del latte da latte in Svizzera è stato aumentato di circa 4 centesimi e quello del latte da formaggio in media di quasi 3 centesimi. Anche i prezzi obiettivo A e B per il latte da latte sono stati aumentati nel corso dell'anno di 2 centesimi a 73 centesimi e 2,4 centesimi rispettivamente. Secondo l'SMP, lo sviluppo mostra anche che l'offerta per l'introduzione del "tappeto verde" il 1 settembre 2019 ha ora lasciato un segno indelebile sul mercato.

Tendenza verso un latte più sostenibile

Anche nel 2021 il posizionamento del latte svizzero sul mercato è stata una priorità. Da un lato è stata lanciata una campagna informativa sulla sostenibilità del latte svizzero e, dall'altro, sono proseguiti i lavori per motivare altri produttori di latte a partecipare allo standard di settore per il latte svizzero sostenibile, il “tappeto verde”. Oggi, circa 11.500 produttori soddisfano lo standard, che rappresenta l'85% del latte lattiero-caseario svizzero e un buon 20% del latte caseario. La tendenza continua, soprattutto con il latte da latte. Lo standard è un importante elemento di differenziazione per il latte ei prodotti lattiero-caseari svizzeri rispetto alla concorrenza estera.

Il latte svizzero rimarrà una merce rara nel 2022. Gli esperti di mercato prevedono che la domanda di latte e prodotti lattiero-caseari aumenterà di oltre il 20% in tutto il mondo nei prossimi 10 anni, con volumi di latte stagnanti. Queste buone condizioni devono essere utilizzate anche in Svizzera per ottenere ulteriori miglioramenti economici.

La situazione all'estero

Dei cinque paesi esportatori di latte più importanti al mondo - Nuova Zelanda, USA, Australia, Argentina ed Europa - solo l'Argentina ha mostrato quest'anno una crescita della produzione di latte. Con la domanda dall'Asia che rimane allo stesso tempo forte, i prezzi di latte in polvere, burro e formaggio sul mercato mondiale sono saliti a livelli record verso la fine del 2021.

Tendenze simili erano evidenti anche in Europa nel 2021. Ad esempio, la produzione di latte in Germania è scesa al livello più basso dal 2017 a meno 1,5%. La buona situazione del mercato mondiale ha anche favorito i mercati del latte dell'UE per il burro, il formaggio e il latte in polvere. In questo contesto, i prezzi alla produzione nell'UE hanno infranto il segno magico di 40 centesimi di euro.

Stagione alpina impegnativa

Alpwirtschaft in der Schweiz

La stagione alpina 2021 è stata caratterizzata da una risalita alpina tardiva e da condizioni climatiche fresche e umide, che hanno portato a una minore resa di foraggio, latte e formaggio nella maggior parte delle regioni. I numerosi giorni di pioggia hanno richiesto molta resistenza e una buona gestione dei pascoli da parte degli alpini, afferma Andrea Koch, amministratore delegato dell'Associazione Svizzera degli Alpini (SAV).

Quest'anno è diventato chiaro quale sia il più grande problema a medio termine per l'allevamento alpino: il lupo. La situazione è nuovamente peggiorata: le misure di protezione della mandria vengono eluse sempre di più e il numero di vitelli e bovini uccisi è aumentato drasticamente. “L'attuale sistema di protezione e regolamentazione delle mandrie non rende in alcun modo giustizia a questa situazione. Gli allevatori alpini e i proprietari di animali domestici si sentono frustrati, impotenti e impotenti", afferma Koch. Un rapido adeguamento della legge sulla caccia è quindi una priorità assoluta per la SAV.

Maiale: Prezzi come 50 anni fa

Schweizer Fleisch

L'aumento dei prezzi negli ultimi 50 anni è del 270 per cento, ma i prezzi dei suini franco allevamento sono invariati nonostante l'aumento dei costi. Adrian Schütz di Suisseporcs, l'Associazione svizzera di allevatori e produttori di suini, sottolinea che gli allevatori di suini ben addestrati attendono con impazienza i prossimi anni con un crescente fabbisogno proteico per la popolazione in crescita, l'alta qualità e l'impegno appassionato.

"L'equilibrio tra il fabbisogno giornaliero nel piatto e la produzione naturale di suinetti a lungo termine è una sfida", afferma Schütz. In caso di fornitura insufficienteg La Svizzera perde valore aggiunto complessivo e benessere degli animali a causa dello sfollamento con le importazioni. Con l'attuale aumento della quantità di carne suina nella seconda metà dell'anno, però, il reddito del lavoro quotidiano in stalla è purtroppo crollato. «Di conseguenza non si possono più fare investimenti necessari. Nel ciclo dei suini, l'esperienza ha dimostrato che la controreazione dura due anni o più", afferma Schütz.

Gli allevatori di suini in Svizzera hanno piccole strutture rurali. I consumatori hanno un'ampia selezione di carne svizzera da programmi aggiuntivi per il benessere degli animali, l'ecologia e l'allevamento. Secondo Adrian Schütz, circa il 60 percento dell'intera gamma soddisfa requisiti estesi per le etichette. Solo la metà viene acquistata con valore aggiunto, la quota organica è inferiore al 2 per cento. “L'iniziativa dell'allevamento intensivo in particolare avrebbe gravi ripercussioni per gli allevamenti di bestiame. Si chiede qualcosa che non si compra. Tutti dovrebbero quindi soddisfare il livello biologico in termini di condizioni di conservazione, il che renderebbe la conservazione e quindi i prezzi al consumo enormemente più costosi e limiterebbe radicalmente la gamma", afferma Schütz.

C'è una crescente consapevolezza dei cicli chiusi, delle offerte regionali e dell'alimentazione basata sui bisogni per le persone e gli animali. Un postulato recentemente adottato dal Parlamento affida al Consiglio federale il compito di elaborare una politica alimentare globale. Tutti i livelli dovrebbero essere coinvolti in questo e dare il loro contributo per migliorare la sostenibilità quando si mangia. Allo stesso tempo, l'agricoltura locale dovrebbe essere in grado di mantenere la sua quota di mercato. Adrian Schütz è convinto che i maiali svizzeri abbiano svolto un ruolo chiave nell'utilizzo dei sottoprodotti e con ulteriori benefici per il biogas, la formazione di humus e sostanze preziose per la fertilità del suolo.

L'industria si sta concentrando anche sulla salute degli animali: da aprile 2021, gli allevatori di suini hanno implementato il programma per la salute Plus, introdotto con successo il diario di trattamento elettronico e quindi creato trasparenza. Secondo Schütz, questo è unico.

Lo sperma di maiale come un successo di esportazione

Il successo delle esportazioni di sperma suino mostra anche che l'allevamento suino svizzero si sta muovendo nella giusta direzione. All'inizio di marzo, l'azienda di allevamento Suisag ha esportato per la prima volta seme fresco in Africa. Gli immigrati americani vogliono utilizzare la genetica svizzera per avviare una produzione professionale di suini. Solo poco dopo, Suisag ha annunciato la collaborazione con l'associazione di allevatori belga VPF. E all'inizio di novembre, Suisag ha fondato una filiale che serve i mercati tedesco, belga e olandese.

La produzione di uova aumenta di nuovo in modo significativo

Schweizer Eier legen zu

La produzione di uova ha iniziato il nuovo anno ad un livello elevato, anche se l'inizio dell'anno è stato, come di consueto, caratterizzato da cambi di gregge: per garantire che ci fossero abbastanza uova svizzere sugli scaffali per Pasqua, i cambi di gregge sono pianificati in anticipo in modo che le capacità disponibili del fienile sono utilizzate in modo ottimale in marzo essere in grado. Anche la domanda di uova è rimasta elevata a causa della pandemia di coronavirus in corso e delle misure di accompagnamento e la produzione di uova biologiche non è stata sempre sufficiente per soddisfare la domanda superiore alla media. D'altra parte, la domanda di ovoprodotti nel consumo fuori casa è risultata più contenuta, in modo da garantire l'approvvigionamento in quest'area senza problemi.

Nonostante il notevole aumento della produzione nazionale di uova, in primavera sono state importate circa 2.000 tonnellate di uova da tavola in più rispetto allo stesso periodo di due anni prima, nell'anno pre-coronavirus 2019.

Dopo Pasqua, la domanda è poi diminuita più del previsto e non tutte le uova da tavola sono state assorbite dal mercato, il che ha portato a una leggera sovrapproduzione.

57 milioni di uova in più

Con l'allentamento delle misure pandemiche, il consumo si è spostato di nuovo maggiormente fuori casa, ma gli esercizi di ristorazione e il servizio di ristorazione continuavano a ordinare con cautela. Inoltre, il numero di galline ovaiole ha continuato a crescere, tanto che entro la fine di luglio sono state deposte il 5,2 percento in più di uova svizzere. Di conseguenza, sono state importate molte meno uova in guscio e uova lavorate.

Poiché la domanda è rimasta al di sotto della media in estate, la crisi estiva è stata maggiore del previsto e la domanda è stata inferiore rispetto all'anno pre-coronavirus 2019. Con il clima fresco, la domanda di uova è aumentata solo lentamente ed è rimasta bassa in autunno. Di conseguenza, le scorte potrebbero essere ridotte solo lentamente. A causa degli alti livelli delle scorte in estate e del bassodomanda di uova lavorate svizzere, queste dovevano essere scambiate ai prezzi delle uova importate. D'altra parte, l'importazione di uova da lavorazione è stata significativamente inferiore: 901 tonnellate in meno rispetto al 2020 e 1.761 tonnellate in meno rispetto al 2019. Tuttavia, l'industria ha chiesto una quota aggiuntiva per le uova da tavola. Poiché in primavera sono state importate circa 2.000 tonnellate di uova in più a causa della pandemia, si temeva che questa quantità potesse mancare alla fine dell'anno. Alla fine di novembre sono state infine importate 602 tonnellate di uova da tavola in più rispetto al 2020 e 216 tonnellate in più rispetto al 2019. Tuttavia, dall'inizio di giugno, sono state importate complessivamente meno uova rispetto all'anno precedente.

La produzione svizzera di uova è proseguita a un livello elevato durante l'inverno. Il numero di galline ovaiole ha continuato a crescere, tanto che a fine ottobre sono state deposte quasi 57 milioni di uova svizzere in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso - a fine ottobre sono state deposte in totale circa 950 milioni di uova. Sebbene la domanda di uova nel commercio al dettaglio sia aumentata di nuovo, in parte a causa dell'imminente stagione di panificazione, la domanda si è ripresa solo lentamente dal minimo estivo: di conseguenza, i magazzini erano ancora pieni a novembre. Infine, secondo le stime di Aviforum, la produzione nazionale nel 2021 è stata del 7,7 per cento in più rispetto all'anno precedente. Ciò significa 81,7 milioni di uova in più rispetto all'anno precedente. In totale, circa 3,5 milioni di galline hanno deposto 1` 145 milioni di uova nel 2021. La produzione biologica di uova ha dato un contributo superiore alla media a questa crescita. L'anno scorso è cresciuto di oltre l'11% a 219 milioni di uova.

In lieve calo la produzione di carne bovina

Da gennaio a ottobre 2021, la produzione di carne bovina in Svizzera è stata dello 0,7% inferiore alla cifra dell'anno precedente, secondo i dati Agristat. Nel caso del vitello, il calo è stato più pronunciato al 5,1 per cento. D'altra parte, secondo l'organizzazione di settore Proviande, i vitelli da gennaio a ottobre erano in media leggermente più pesanti rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Secondo Agristat, a novembre i prezzi di munizioni, buoi e bovini sono rimasti a livelli elevati. Anche i prezzi dei vitelli da macello sono a un livello elevato.

Domanda costante di carne di pollame svizzera

La forte ripresa dell'allevamento di pollame osservato dal 2006 proseguirà nel 2021 e quest'anno dovrebbe aumentare il valore della produzione di circa il 5 percento, a 0,7 miliardi di franchi.

Nel 2020, la produzione totale di polli è stata di 103.865 tonnellate. Secondo Agristat, tra gennaio e ottobre di quest'anno è stato macellato e trasformato il 3,5% in più di pollame domestico rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente. I portelli di pulcini segnalati fino alla fine di ottobre continuano a mostrare un aumento del 6% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Secondo i produttori di pollame svizzeri, tuttavia, i portelli servono a poco per fare previsioni, poiché non è possibile prevedere il peso al quale verranno macellati i polli. Tuttavia, le cifre indicano che i consumatori saranno felici di acquistare pollame svizzero anche nel 2021.

Storicamente poco miele

Il maltempo di quest'anno ha anche ridotto notevolmente il raccolto di miele degli apicoltori svizzeri: nel 2021 c'erano in media 7,2 chilogrammi di miele per colonia di api - il raccolto di miele di quest'anno è del 75% inferiore rispetto all'anno scorso e anche il miele in vendita è più costoso a causa della scarsità diventano. Secondo l'organizzazione ombrello delle associazioni svizzere di apicoltura Apisuisse, pochissimi apicoltori in Svizzera ricordano un raccolto così eccezionalmente brutto come quest'anno.

Dopo il raccolto record dell'anno scorso con fino a 40 chilogrammi per colonia di api in alcuni cantoni, l'anno 2021 si è mostrato da un lato completamente diverso: poiché la primavera era troppo fredda e umida, il raccolto primaverile del miele era già scarso e le quantità di miele estivo ha sofferto molto anche il tempo con molta pioggia, grandinate e inondazioni. Di conseguenza, le api non potevano volare fuori per raccogliere il nettare e impollinare i fiori dei prati e gli alberi da frutto. Le api dovevano anche essere nutrite a livello regionale, altrimenti sarebbero morte di fame.

In tutta la Svizzera, il raccolto medio di miele primaverile è stato di soli 1,9 chilogrammi per colonia di api - l'anno precedente era una media di 11,2 chilogrammi per colonia di api. Il maltempo ha impedito una corretta fioritura delle foreste in estate, ma brevi periodi di calma del tempo hanno aiutato le api a sviluppare speciali fonti di nettare come i fiori di tiglio e i fiori di mora tardiva. Di conseguenza, il raccolto estivo medio di miele in tutta la Svizzera è stato di 5,3 chilogrammi per colonia di api, nettamente inferiore ai 18,7 chilogrammi raccolti l'anno precedente. Solo il Canton Ticino è rimasto in costume mesi da Schlil tempo reale è stato ampiamente risparmiato e, nonostante un calo rispetto all'anno precedente, è stato comunque in grado di raggiungere una quantità totale di miele di 25,9 chilogrammi per colonia di api. Più del doppio rispetto ai "migliori" cantoni a nord delle Alpi. Storicamente poco miele

Fonti e ulteriori informazioni

Agristat, www.agristat.ch Agroscope, www.agroscope.ch Apisuisse, www.apisuisse.ch Organizzazione del settore lattiero -caseario, www.ip-lait.ch Ufficio federale dell'agricoltura, www.blw.admin.ch Ufficio federale di statistica, www. bfs.admin.ch Amministrazione federale delle dogane, www.ezv.admin.ch GalloSuisse , www.gallosuisse.ch MeteoSvizzera, www.meteoschweiz.ch Associazione svizzera degli agricoltori, www.sbv-usp.ch Produttori svizzeri di latte, www.swissmilk. ch Produttori svizzeri di pollame, www.schweizer-gefluegel.ch Swiss Fruit Association, www.swissfruit.ch Schweizer Zucker AG, www.zucker.ch Swiss Alpine Association SAV, www.alpwirtschaft.ch Swiss Granum, www.swissgranum.ch Swisspatat, www.kartoffel.ch Promozione del vino svizzero, www.swisswine.ch Associazione dei produttori svizzeri di ortaggi, www.gemuese.ch WaldSchweiz, www.waldschweiz.ch

Fonti di immagini Pixabay.com. & Immagini di: COPERCHIO